Open Asset Real Estate Advisor

Nomisma: l’emergenza delinea uno scenario futuro critico per il Real Estate.

Torna a Open Asset News

Nomisma: l’emergenza delinea uno scenario futuro critico per il Real Estate.

Nomisma: l’emergenza delinea uno scenario futuro critico per il Real Estate.

Nomisma ha presentato i dati emersi dall’Osservatorio Immobiliare 2020, con previsioni rispetto all’incidenza dell’emergenza attuale sul settore per il prossimo futuro. Se i dati in chiusura del 2019 mostravano per l’immobiliare italiano segnali positivi, si prevede per il 2020 una perdita tra i 9,2 miliardi e i 22,1 miliardi di euro di fatturato nel settore residenziale e tra i 2,6 e i 5,8 miliardi di euro di capitali investiti nel segmento corporate.

Per contro gli italiani sono insoddisfatti dei propri spazi domestici.

Secondo una ricerca di RUR, su dati Eurostat, gli italiani vivono in media in abitazioni sotto misura per il proprio nucleo familiare, generando così insoddisfazione per gli spazi domestici a disposizione. Infatti, secondo il report le case degli italiani misurano in media 81 mq, molto al di sotto degli altri Paesi industrializzati. Il 37,5% degli italiani ha dichiarato così di vivere in una casa piccola e di essere quindi stimolato nella ricerca di una nuova destinazione residenziale.


 

Secondo Eurostat, fra i grandi paesi europei l’Italia vive una condizione abitativa più disagiata con ben il 30,9% dei nuclei in sovraffollamento, ovvero con disponibilità di spazio residenziale, calcolato sulla base della composizione del nucleo familiare e l’età dei componenti, inferiore agli standard europei di riferimento. Il tasso di overcrowding medio dell’Unione Europea riguarda il 18,3% delle famiglie, mentre la Francia scende all’8,2%, la Germania al 6,3% e la Spagna al 5,0%.

Ci sono quindi ragioni oggettive nella valutazione che il 37,5% degli italiani ha fornito di vivere in una casa piccola in un’indagine realizzata, nell’autunno 2019, dalla RUR (think tank cui aderiscono fra gli altri Intesa SanPaolo, Cdp, Tim Federcasa e Sistemi Urbani-FS), adducendola come prima motivazioni per la ricerca attiva di un nuovo alloggio da acquistare o affittare.